Grecia – Rivendicazione dell’attacco incendiario al tribunale di Kallithea

fonte: en.contrainfo.espiv.net

trad. parolearmate.noblogs.org

Stiamo vivendo una peculiare congiuntura economica e politica dove il capitalismo oscilla in maniera imprevedibile e il sistema politico subisce una vasta contestazione.

Questo contesto, tuttavia, non arriva a proporre una soluzione alternativa a livello politico, ma lo si trova in forma di scontento generale. Ma lo scontento generale che pervade il vasto reame sociale non è nient’altro che un aspetto più energico dell’inerzia. Ciò nonostante, vediamo le basi della lotta nei quartieri in chiave positiva, che insieme agli spazi anarchici sta come il solo contrattacco al capitalismo che, anche se si trova in recessione, continua le sue nefandezze, mentre la maggioranza della rassegnata popolazione lavoratrice si lascia indietro il terreno sociale.

Per via della situazione, la democrazia attraverso la giustizia tenta di ripristinare una moltitudine di provvedimenti in prima linea, come il divieto dei cortei nel cosiddetto centro storico (di Atene), il garantire il diritto dell’uso ex officio di armi da parte di cittadini e poliziotti, promuovendo l’americanizzazione del senso di appartenenza (tramite l’incitamento “cittadini, prendete le armi”). Inoltre sottolineiamo che un ulteriore emendamento e aggiornamento della legge antiterrorista è imminente, mirando alla costruzione di un clima di “ancora maggiore repressione e paura”. La domanda che vogliamo porre a tutti è quali azioni fanno gli anarchici e l’ampio movimento libertario in un momento dove i nazionalisti hanno già iniziato a formare squadre patriottiche e ad allenarsi nelle montagne lontani dalla paura di chaos e anarchia?

ATTACCARE OVUNQUE E SEMPRE

In occasione delle nuove accuse per il caso della O.R Cospirazione delle Cellule di Fuoco, all’alba di venerdì 14 marzo, abbiamo incendiato il tribunale distrettuale nella zona di Kallithea con dei meccanismi incendiari. Il regime con una mossa imprevista sta cercando di rinnovare le carcerazione preprocesso tramite il nuovo round di accuse, ma anche per rafforzare di più le già cariche accuse. Siamo sicuri che i nostri compagni stiano resistendo risoluti contro le trappole legali dello stato e l’operato più ampio dei moderni inquisitori.

A questo punto, vogliamo esprimere il nostro supporto senza riserve a Stella Antoniou che, oltre a soffrire gravi condizioni di salute che rendono necessario il suo rilascio, è una ANARCHICA e come tale dovrebbe essere trattata dai suoi compagni.

Non dimentichiamo il compagno prigioniero Giannis Skouloudis che sarà processato dallo stato il 21 Marzo 2012, per l’incendio di alcuni veicoli della compagnia elettrica pubblica (DEI) da lui rivendicati; né dimentichiamo i compagni prigionieri Dimitris Dimtsiadis, Babis Tslianidis, (Dimitris Fessas) e Sokratis Tzifkas, che hanno scelto il difficile cammino della clandestinità, e sono stati arrestati e ora sotto processo nello stesso caso.

Mandiamo forza al bandito anarchico Rami Syrianos.

Un segnale incendiario ai compagni impenitenti che hanno scelto il cammino dell’attacco.

Onore eterno al membro della O.R Lotta Rivoluzionaria Lambros Foundas, morto il 10 marzo 2010 a causa dei proiettili dei poliziotti.

PS. Riportiamo l’occultamento della nostra azione da parte dei mass media, un silenzio che dimostra che il loro ruolo e la loro posizione è vicina ai loro superiori di stato e contro di noi. Chiariamo che ogni informatore giornalista-assegnatario dei poliziotti può fare i conti con il nostro malcontento pratico, cosi come le loro auto e le case sono accessibili e incendiabili cosi come quelle delle altre merde.

Fronte Rivoluzionario Internazionale-Federazione Anarchica Informale

Cellula Incendiaria d’Attacco

Sentiero delle Polveri

This entry was posted in azioni dirette and tagged , , , . Bookmark the permalink.