325 – Parole solidali con i prigionieri membri della CCF e T. Mavropoulos

da 325

trad. cenere(at)inventati.org

“Un sasso sarà lanciato contro lo Stato, e un sasso sarà lanciato contro le chiese”

Kode9 – 9 Samurai

Dalle strade infuocate di Londra, Bristol, Nottingham, Manchester, Birmingham e dozzine di altri posti, la rabbia urbana esplode con l’azione e la parola. La pace sociale viene frantumata dalla rabbia repressa di migliaia di individui, uniti dalla violenza anti-polizia e anti-sistema. Il moderno progetto inglese di società-prigione perfettamente ordinata gestita dalla polizia e dai politici è stato rotto, nessuno si preoccupa più delle telecamere di sicurezza e i maiali vengono picchiati, attaccati e fatti andare via. Questa è una guerra, e solo l’inizio di essa fa arrivare i ranghi e le divisioni di polizia e squadre di intelligence, il collasso della società è iniziato e la scelta è o rassegnarsi al nuovo fascismo o insurrezione.

I prigionieri membri dell’Organizzazione Rivoluzionaria – Cospirazione delle Cellule di Fuoco e Theofilos Mavropoulos hanno la nostra irriducibile solidarietà e amicizia anarchica. Ci sono alcune individualità coraggiose e risolute che hanno agito contro i parassiti capitalisti e governativi e i loro funzionari, aiutando a creare la formazione di una rete internazionale insurrezionale della quale sono parte integrante.

Il fuoco che hanno appiccato è la stessa furia delle fiamme d’Agosto, ed esiste in tutto il mondo incurante di ogni operazione antiterrorista e manovre dei servizi segreti per spegnerlo, perché questo è l’inizio della fine per il modello sociale capitalista-dominatore. Non importa se noi, gli insorti, siamo in prigione, monchi, morti – le nostre idee e le nostre azioni vivono nell’inferno della libertà dove nuove generazioni di individualità consapevoli si infiammano nell’attacco alle elite dominanti, i loro servi e gli aspetti riproduttivi e i valori del servilismo. Non è solo nei sogni di pochi, è nel pensieri quotidiani degli sfruttati e denigrati, tutti quelli che ancora non hanno imparato ad amare il lavoro e l’autorità.

L’unico modo intelligente di reagire al mondo-prigione è di cercare di evadere, e in questo momento di repressione e guerra, l’unico modo reale è di prendere le armi e combattere per la propria libertà.

I ribelli nel Regno Unito si sono avvicinati ad un fervore nichilista, con quasi nessuna partecipazione o intervento della sinistra-progressista attivista/giro anarchico. Non c’è alcuna anticipazione che ci sarà alcun “cambiamento sociale” dal regime stabilito, solo infinita miseria economica e prigione urbana; ma senza i limiti dell’ideologia, i principi rivoluzionari e anarchici sono la prima cosa che esce dalle labbra di molti quando viene dato il momento di esprimere le loro idee e l’opposizione all’ordine esistente.

Le posizioni più antagoniste sono di chi è più a rischio di sfruttamento, incarcerazione e brutalità poliziesca; giovani/adolescenti, migranti/diversi, gli “antisociali”, gli esclusi e i ribelli. 325 è fiero di essere stato tra quelli della “feccia” in queste strade durante Agosto, nonostante la repressione e l’acceerazione del fascismo nel quale è intrappolato questo paese. Noi, i rivoltosi, abbiamo rovinato la facciata della pace sociale. Cosi come crolla il mondo dei vecchi bigotti, il sogno inglese di un paradiso imperiale degenera nella realtà urbana di un vasto disordine caotico. L’insurrezione, che ovviamente non è un'”utopia”, non è finita ad Agosto. Anche in posti morti e di merda, come Cambridge, potete trovare incidenti inaspettati di incendi antisociali, come la concessionaria andata a fuoco in una zona benestante ad opera di Fire Cell / FAI. A Birmingham, una stazione di polizia è stata data alle fiamme e 40-50 persone hanno attaccato la polizia con molotov, sassi e pistole, e dopo la Cell of Joy / FAI ha rivendicato un attacco incendiario contro un veicoli delle guardie penitenziarie della prigione locale. A Bristol, le auto personali del sindaco e di un politico del partito dominante sono state bruciate fuori le loro case ad opera di Class Terror/ FAI. A Londra, il Sony Warehouse che copriva centinaia di metri quadrati è stato saccheggiato e ridotto in polvere. Ci sono alcuni incidenti/momenti dove la gente antipolitica ha esclamato di aver avuto “i migliori giorni della propria vita” e cercato possibilità future, co-cospiratori e altro.

Senza indovinare quando ci sarà un’altra rivolta, noi non aspettiamo, ma la certezza di un’altra è chiara. Un’intera parte della popolazione non può essere spinta oltre e le divisioni sono profonde. Il saccheggio e l’ingiustizia sono troppo evidenti, indifendibili, senza neanche la finzione di “consenso sociale” e ciò è intollerabile.

Agosto era inimmaginabile qualche anno fa e ora tutto può accadere. I migliori giorni delle nostre vite sono da avere. Con coltelli e sogni, pistole e penne, ricarichiamo la nostra pubblicazione e ci prepariamo al ritorno del fuoco…

PER SEMPRE ANARCHICI – PER SEMPRE PERICOLOSI – PER SEMPRE NEL CAOS

SOLIDARIETA’ AI PRIGIONIERI MEMBRI DELLA CCF, A THEOFILOS MAVROPOULOS E A TUTTI I RIBELLI

325 / Anti-Copyright Network

This entry was posted in informalidad, presxs and tagged , , , . Bookmark the permalink.