Continua l’esproprio di supermarket ad Atene


da actforfree.nostate.net
trad.
tomo

Altri due espropri hanno avuto luogo il 19 novembre in due quartieri diversi di Atene. Verso le 6 di pomeriggio, un gruppo di persone ha espropriato prodotti tipici da un supermercato in via Soultani a Exarchia. Di mattino presto, un altro gruppo di compagni ha espropriato un supermercato a Galatsi, condividendo la merce espropriata tra le persone raccolte in un vicino mercato all’aperto. Come dichiarato nel comunicato distribuito durante l’azione diretta a Galatsi: “Il fallimento non è solo un’immagine sulla TV. Sono nate coscienze tramite attacchi ai capi. Esproprio subito!
Sabato 26 novembre, un gruppo di compagni ha espropriato una filiale della catena di supermercati Sklavenitis, ubicata in via Charilaou Trikoupi a Exarchia. Il volantino lanciato durante l’azione dice: “La loro ricchezza è il nostro sangue” e “Esproprio del Capitale ovunque“.
Gli anarchici hanno espropriato cibo tipico per poi condividere le merci tra i passanti e altra gente ammassata in un mercato all’aperto in via Kallidromiou. La maggior parte delle persone ha reagito positivamente a quest’azione e ha preso prodotti dai cesti.
L’unica reazione negativa è stata quella di un impiegato del supermercato che ha urlato quando i compagni se ne stavano andando via, “Questa è una vergogna!” I compagni hanno osservato nel loro comunicato che lui ed ogni impiegato dovrebbero sapere che sono i capitalisti e i capi dovrebbero vergognarsi perché diventano sempre più ricchi vivendo il loro “sogno” a scapito delle persone che vivono quotidianamente l’incubo dello sfruttamento dell’uomo sull’uomo.

This entry was posted in azioni dirette and tagged . Bookmark the permalink.