Pacco incendiario a Berlusconi, due anarchici greci indagati

La Procura bolognese ha disposto le perizie sul plico

fonte: stampadiregime

Due anarchici greci sono indagati per il pacco incendiario destinato al premier Silvio Berlusconi che nella notte tra il 2 e il 3 novembre 2010 venne individuato a bordo di un aereo cargo poi fatto atterrare all’aeroporto di Bologna, dove venne reso innocuo. L’accusa è di attentato con finalità di terrorismo. Berlusconi figura come parte lesa.

I due anarchici appartengono alla Ccf, la cospirazione delle cellule di fuoco, organizzazione che ha rivendicato l’invio del plico. I due sono stati arrestati dalle autorità greche in marzo a Volos, in quanto sospettati di aver inviato il pacco diretto a Berlusconi. Ora hanno ricevuto in carcere (dove tuttora sono detenuti) un avviso della Procura bolognese, che ha disposto una perizia sulle impronte digitali e una consulenza balistica per fare luce sull’esplosivo di cui era composto il pacco.

Ma l’invito a comparire della Procura bolognese è stato mal interpretato dal mondo dell’antagonismo. Nel sito di area informa-azione.info è riportata la notizia che la «Procura di Bologna convoca due prigionieri membri della Ccf». E i due – secondo quanto riportato nel sito – ribadiscono «in maniera tassativa che ci rifiutiamo di comparire dinanzi alla Procura italiana, in quanto essendo guerriglieri urbani anarchici non riconosciamo alcun potere che abbia la competenza a processarci». In realtà, quando vanno fatti questi tipi di accertamenti devono essere invitati gli indagati per dare loro la possibilità di interagire nell’accertamento con loro consulenti.
28 giugno 2011

This entry was posted in presxs and tagged . Bookmark the permalink.