Messico – Secondo comunicato delle Células Autónomas de Revolución Inmediata

Prima di tutto un saluto a quelli che lottano.

Con questo secondo comunicato vorremmo chiarire degli aspetti di cui si sta parlando all’interno di alcuni mezzi di “informazione”, i quali assieme alle autorità competenti del Distretto Federale stanno creando un assedio mediatico in merito alle ultime 3 detonazioni di ordigni esplosivi a Città del Messico.

1.- Il governo del Distretto Federale, attraverso le sue istituzioni investigative, ha affermato che sulla base del modus operandi realizzato nelle ultime tre esplosioni potrebbe trattarsi dello stesso gruppo, con la probabile eccezione dell’attentato alla concessionaria in cui è stato lasciato un messaggio (lo stesso che è stato distorto da alcuni media e dalla rivista “Proceso”, i quali sono arrivati a sostenere che responsabile è un gruppo “terrorista” spagnolo non esistente in Messico, perché nella rivendicazione si parla del compagno libertario Amadeu Casellas, il cui nome è stato storpiato in Gustavo Amadero Casellas e lo si è posto in legame con tale gruppo).

Allora, vi diciamo che il ricorso al gas butano negli ordigni esplosivi non è un fatto nuovo. E’ stato già utilizzato in altre occasioni da altri gruppi con altre tendenze politiche, per esempio nel 2006: 6 bombe dalla composizione simile sono state collocate dalla T.D.R. (Tendencia democrática revolucionaria), un’altra esplosione è stata realizzata con bombole di gas e un tubo galvanizzato nel dicembre del 2007 causando danni in un fast-food tipo k.f.c in località iztacalco, all’altezza della avenida Zaragoza e rivendicato da un altro gruppo anticapitalista. E nel 2008 lo stesso materiale ed un tubo galvanizzato sono stati utilizzati contro una banca, causando gravi danni. Il governo lo sa. Quindi, se le tre esplosioni si sono succedute a distanza di pochi giorni e se i materiali erano simili, si tratta di una mera coincidenza in quanto non c’è alcun coordinamento tra: il Frente Subversivo de Liberación Global, le Células Autónomas de Revolución Inmediata ed il Frente de Liberación Animal. Inoltre c’è da sottolineare il fatto che la settimana di azioni e di proteste contro MaxMara è una settimana internazionale di azioni che è stata convocata dall’Italia. E’ anche vero che dopo il primo attentato, quello contro la banca, la stampa ha dato una perfetta descrizione dei materiali utilizzati, i quali ben impiegati possono provocare molti danni alle proprietà dei potenti. Non è un caso che persone con una voglia infinità di distruggere o danneggiare questo sistema miserabile ed oppressore si siano sentite attratte nel farvi ricorso. Segnaliamo, inoltre, che noi abbiamo utilizzato un ordigno costituito da un quarto di polvere nera e altri tre ordigni con mezzo quarto di dinamite (in ognuno). Se qualcosa non
ha funzionato lo si deve ai nastri adesivi utilizzati per unire gli ordigni; avremmo dovuto usare un nastro più resistente (tipo quello americano) e stringere di più, in quanto la detonazione ha rotto il nastro che legava gli ordigni e li ha fatti cadere.

2.- Recentemente abbiamo trovato un articolo sul giornale “Milenio” in cui si responsabilizza una pagina di informazione web del Cile. La cosa oltre ad essere stupida è iper-assurda poiché “Liberación Total” è solo una pagina web d’informazione che riceve i nostri comunicati e quelli di altri gruppi e non ha alcun stretto legame con nessuna persona o gruppo che effettua azioni in Messico. Essi, nel ricevere i comunicati e le altre notizie, le pubblicano facendo un lavoro di informazione.
Lo slogan “liberazione umana, animale e della terra” è solo uno slogan molto diffuso e che viene utilizzato da tanti gruppi in tutto il mondo e da molti anni.

3.- Conclusione: se il governo cerca di risolvere il tutto dicendo prima che il gruppo F.L.A. è un gruppo imitatore e poi sostenendo che si tratta di uno stesso gruppo che ha realizzato i tre attentati dalle caratteristiche politiche differenti (sebbene simili), allora la sua incompetenza non è da imputarsi alla nostra responsabilità o a quella di altri gruppi.

Prima di salutarvi, vorremmo inviare un saluto a quelli che lottano. Continuare, nonostante le distorsioni da parte del governo (il che è normale). Sempre più fiamme, incendi, attacchi e sabotaggi.

Contro lo stato, la chiesa e il capitale… guerra sociale e solidarietà internazionale”

Dalla clandestinità,

Células Autónomas de Revolución Inmediata “Praxedis Gilberto
Guerrero”

Città del Messico, 15 settembre

fonte: Liberación Total

This entry was posted in azioni dirette and tagged , , , . Bookmark the permalink.