In merito a una dissociazione!

Culmine riceve e pubblica*

In questa città di Genova pare che esistano, quantomeno virtualmente, alcuni libertari e qualche anarchico, occasionalmente(?) cittadinisti, che sentono e manifestano la loro paura di essere colpiti dalla repressione.

Accampando pretestuose motivazioni metodologiche ed etiche hanno ben pensato di prendere preventivamente le distanze, come in una partita di scacchi si anticipa le mosse del nemico, dissociandosi (senza peraltro, che nessuno li avesse ancora associati).

Nel loro scritto sono preoccupati delle indagini che la questura svolge a loro carico ed esaltano le loro gesta pubbliche e collettive nei vicoli genovesi. Vivono la frustrazione di non essere riusciti a svegliare quel tanto osannato sociale e sentono l’esigenza di disprezzare azioni altrui. Sentono l’esigenza di chiarire ( agli inquirenti?) che stanno combattendo su un altro lato della barricata. Lo fanno in un momento strategico, adesso che qualcosa succede nella “loro” città e non molto tempo fa quando, per loro stessa ammissione, sarebbe stato utile.

Non pensiamo ci possa essere alcun dibattito portato avanti con chi si “difende” con meschine dissociazioni, solo che si chiamino le cose con il proprio nome e una dissociazione non diventi un “mettere i puntini sulle i”.

I soliti due rompicoglioni

Genova 17/05/2012

___________

nota di Culmine: Il comunicato de “I soliti due rompicoglioni” è in riposta ad un anonimo comunicato di dissociazione apparso su lombardia.indymedia.org/node/45805 , non pubblicato da Culmine perché non ci è mai stato inviato.

Sono tanti i comunicati e le dichiarazioni che stanno uscendo in questi giorni, noi pubblicheremo -condividendone o meno il contenuto- solo quelli che verranno inviati alla nostra e-mail: iconoclasta(at)riseup.net

This entry was posted in informalidad and tagged , . Bookmark the permalink.

2 Responses to In merito a una dissociazione!

  1. Pingback: Sei contributi di opposizione alla repressione interna [in aggiornamento]

  2. Pingback: che ti FAI

Comments are closed.