Atene – Lettera di Kostas Katsenos

da  actforfree.nostate.net

trad. parolearmate.noblogs.org

FINO ALLA DISTRUZIONE DELL’ULTIMA GALERA, NESSUNO E’ LIBERO

Il 1 aprile 2012, completerò i 6 mesi di detenzione nella prigione di Koridallos. Al momento sono l’unico ad essere prigioniero per il caso di Lotta Rivoluzionaria.

Negli ultimi due anni ho vissuto in un particolare status di ostaggio, completamente isolato dal mio vicino coinvolgimento, senza la possibilità di lavorare, studiare, comunicare e partecipare ai processi dello spazio politico al quale mi sento vicino.

Un ingiusto e crudele sistema politico ed economico, che è in crisi, sta cercando tramite la legge di indebolire ogni tentativo di resistenza sociale.

La motivazione della mia accusa è totalmente arbitraria, un prodotto di considerazioni individuali e speculazioni di collaboratori del ministero della protezione del sistema.

Il 27 marzo, alle ore 10, sarò convocato al concilio dei giudici d’appello (ad Atene), perché venga esaminata la proroga o meno della mia cosiddetta custodia temporanea.

Sapendo il clima di repressione che prevale su tutti i fronti sociali, non so se posso sperare per un esito positivo. In ogni modo, continuerò a resistere alle macchinazioni poliziesche e giuridiche.

Dobbiamo fare i conti con la repressione qualunque forma essa abbia, ed esprimere la nostra solidarietà ad ogni prigioniero combattente della guerra di classe e sociale.

Kostas Katsenos, 23/3/2012

Braccio F della prigione di Korydallos

This entry was posted in General and tagged , . Bookmark the permalink.